Discorso LUISS “Le crisi del 2014”

 LUISS, 17 Ottobre 2014

 Molte rievocazioni della Prima Guerra Mondiale lo scorso agosto,a un secolo esatto dall’inizio di quell’immane tragedia, si sono concentrate sulle “lezioni apprese e da apprendere”.

Diverse analisi hanno ricordato come la comunita’ internazionale disponesse,in quell’inizio Agosto 1914, di tutti gli strumenti idonei a fermare pericolose derive verso una guerra.

Sono state sottolineate gravi carenze delle leadership politiche;la loro mal riposta fiducia nella irripetibilita’ di un conflitto in Europa dopo quarant’anni di pace;il convincimento che,dagli albori del XX Secolo, l’evoluzione del diritto internazionale e dei nuovi strumenti per la soluzione diplomatica delle controversie avessero ormai il sopravvento sull’uso della forza.

Si e’stigmatizzata l’eccessiva fiducia dei Governi europei nelle valutazioni degli apparati militari;si e’ notato come alcune dinamiche avessero assunto una loro vita propria,distorcendo gli effetti di strategie e alleanze che erano state concepite per ostacolare e bloccare sul nascere,un nuovo conflitto armato,ma proprio quelle stesse strategie ed alleanze avevano contribuito invece a renderlo ineluttabile.

Puo’cosi’apparire legittimo chiederci se le “crisi del 2014” e le tensioni che esse continuano ad alimentare rapidamente attorno a noi non siano destinate a sfociare in una “crisi globale”:quella che Papa Francesco,con quel suo straordinario dono per la semplicita’e la sintesi ,ha chiamato “una guerra mondiale in capitoli”.

Nei settant’anni trascorsi dal Secondo conflitto mondiale non siamo mai stati risparmiati da tensioni regionali, scontri nazionali,pulizie etniche, guerre civili;siamo stati  testimoni dell’implosione di interi Stati,pensiamo alla fine dell’Urss e della Jugoslavia;abbiamo dovuto combattere terrorismi vecchi e nuovi.Tutti questi scenari si stanno pero’ riproponendo  con una rapidita’e una capacita’di trasformarsi  mai  sperimentate in precedenza.

Cio’avviene anzitutto lungo quel colossale arco di crisi che tocca una molteplicita’impressionante di interessi vitali per l’Italia e per l’Occidente.

Da Donetsk,Sloviansk,e Marioupol,sino ad Aleppo,Idlib e Damasco,per continuare a Mossul a Tikrit e Samarra,sino a Tripoli, Misurata e Bengazi,e giungere sino alla Somalia,al Mali e alla Nigeria,sono entrate in crisi architetture di sicurezza fondamentali per l’Europa,si sono destabilizzati equilibri regionali che hanno pero’riflessi globali,si e’riacutizzato lo scontro tra le due componenti principali del mondo islamico,quella sunnita e quella scita.

In Europa,in particolare,sono riemersi i fantasmi di fine Anni Trenta,con:

 

-lo smembramento di uno Stato sovrano europeo colpevole di essersi orientato verso una maggior integrazione economica con l’Unione Europea,un’area corrispondente a un quarto del Pil mondiale,anziche’verso un’integrazione- subalterna alla Russia-con un’Unione Eurasiatica certamente piu’politica che economica,con livelli di integrazione, sviluppo sociale,liberta’civili certo  meno attraenti di quelli europei;

 

-i fantasmi di fine Anni Trenta hanno suggerito di ricorrere,in plateale violazione di Trattati e intese sulla pace e sicurezza in Europa,all’uso della forza per risolvere una controversia tra due Stati Europei che aveva tutte le caratteristiche e le possibilita’ di essere affrontata e risolta con gli strumenti legali gia’ ampiamente utilizzati nel continente europeo -mi riferisco all’autorita’per le minoranze nazionali in ambito Osce-e alle Nazioni Unite.

 

-allo stesso modo,e’ riemersa dai tempi bui dei nazionalismi del Novecento la rivendicazione di una sorta di “diritto sovrano”a governare minoranze nazionali residenti al difuori dei confini di uno Stato europeo,facendo di questa rivendicazione un grimaldello per ridisegnare confini statuali,affermare nuovi o vecchi spazi di influenza,e piu’in generale per dimostrare la capacita’ di Paesi che si autodefiniscono “revisionisti” a riscrivere norme che essi stessi avevano fortemente sostenuto persino nel pieno della Guerra Fredda (es.l’Atto Finale di Helsinki ).

 

Con tutte le difficolta’ che esistono nella fase attuale di rapporti con la Russia,e con le evidenti implicazioni che una mentalita’da “zero sum game”comportano nella gestione di molte altre situazioni di crisi,io penso che esista una capacita’politica e una percezione dell’interesse nazionale sia a Mosca che nelle capitali dell’Occidente tali da evitare una “nuova Guerra Fredda”:

 

-penso vi sia da parte russa una capacita’politica e una percezione dell’interesse nazionale in grado di superare le derive “neoeurasiatiche”che pur si annidano nel clima  intellettuale e di opinione che circonda attualmente il Cremlino.Sono infatti tornati in auge a Mosca pensatori nazionalisti come Alexander Dugin che,sulla scia di loro precursori di un secolo fa, affermano  l’assoluta superiorita’etica e culturale della grande tradizione imperiale russa,rispetto a un Occidente sempre piu’privo di valori e in declino.Mentre altri,come il direttore dell’Istituto di Studi Diplomatici ,Lukin,ha spiegato recentemente con un lungo articolo su Foreign Affairs quelli che secondo il Cremlino sono i motivi del crescente attaccamento delle popolazioni dell’Eurasia a forme di “democrazia autoritaria”,alla tradizione ortodossa ad esempio sui valori della famiglia e sul  rifiuto dell’omosessualita’,a modelli  “solidaristici” dell’economia Eurasia tica,contrapposti ai modelli occidentali di economia di mercato.Su questo sfondo,si cerca di fornire  legittimita’ storica e persino etica alla “tutela delle minoranze russofone”nei Paesi che una volta appartenevano alla “Novorossija”zarista;

 

– si deve trovare al tempo stesso,in campo Occidentale,la necessaria coesione,e un rinnovato impulso che vorrei chiamare “identitario” ai valori dell’uomo e dello Stato di Diritto,cosi’da sostenere una piena volonta’negoziale di ricreare con la Russia un quadro di sicurezza cooperativa e di efficace partenariato ;

 

-un aspetto cruciale nel ricreare un “partenariato tra eguali” ,equilibrato,credibile,senza dipendenze dell’Europa dalla Russia ne’della Russia dall’Europa,riguarda ovviamente l’energia.L’UE deve come prima cosa dotarsi di una politica dell’energia che si basi sul conferimento alla Commissione del mandato a negoziare per l’UE nel suo insieme.L’acquisto del gas deve avvenire attraverso un’unica Agenzia,come gia’accade per l’Euratom.Questo e’fondamentale soprattutto per l’economia italiana.Le nostre aziende pagano il gas russo un prezzo irragionevolmente piu’alto della media Ue,e questo-originato anche da errori del passato-non credo sia piu’tollerabile;

 

-gli obiettivi immediati sono quelli di ridurre la tensione con iniziative politiche;di mantenere  chiarezza sulle regole di fondo nella soluzione di una crisi,quella Ucraina,che non deve tradursi in un ennesimo ,gigantesco “conflitto congelato”;di ottenere  su questo aspetto un chiarimento di Mosca,perche’inquietano le ultime dichiarazioni russe sulla Moldova,e sono troppo numerosi i precedenti dell’estensione dell’influenza russa attraverso forme di “destabilizzazione controllata” del suo vicinato:in Abhazia,in Ossezia,in Transnistria,in Nagorno Karabakh.

 

-Per ridare spazio a soluzioni politiche,e’utile forse ricordare alcune esperienze maturate nella Guerra Fredda:in tema di corretta percezione degli obiettivi della controparte;di continuita’di contatti tra i leaders;di misure di fiducia,sul piano sia politico che militare.

 

Per quanto complessa appaia una ri-stabilizzazione di quel rapporto che una volta si chiamava,e forse dopo l’annessione della Crimea deve ancora chiamarsi, rapporto Est/Ovest,la situazione che caratterizza “il Grande Mediterraneo”,quella ampia,differenziata,dinamica realta’ geopolica che si estende da Gibilterra alla Mesopotamia,appare ancor piu’complessa,e per molti versi meno decifrabile.

Per fare un solo esempio:a fine novembre scorso,non ero io certo il solo a sotenere che vi fosse un’altissima probabilita’ che Putin utilizzasse ,in modo piu’ o meno palese,la forza militare in Ucraina.

Ma quanti si erano accorti verso meta’ 2012 che il mancato sostegno alle componenti moderate della rivolta anti Assad,che pure esistevano ed erano in quei mesi ancora ampiamente maggioritaria,avrebbe dato spazio a un fenomeno nuovo,pericoloso,radicato e diffuso come quello dello Stato Islamico,il Daesh?

Per questo condivido il pensiero di quanti sostengono che i semi  dell’instabilita’e dei conflitti nel 2014 stanno affondando radici sempre piu’profonde nel “Grande Mediterraneo”.E’ qui che sono implosi Stati chiave per la stabilita’mediorientale e nordafricana,che vengono massacrate intere popolazioni, con esodi,migrazioni epocali,tragedie in mare, e soprattutto il fortissimo rilancio  -in proporzioni e forme che nessuno,neppure il piu’pessimista degli analisti ,aveva neppur lontanamente intuito-delle forze peggiori,piu’radicali e militanti dell’islamismo fondamentalista.

E’a partire da quanto sta avvenendo nel “Grande Mediterraneo” che i nostri interessi  vitali rischiano di essere piu’ gravemente compromessi:non solo quelli economici,energetici,o di coesione sociale (migrazioni),ma anche quelli di fondamentale importanza per la pace e la sicurezza globale:il rispetto dei diritti umani,dello Stato di Diritto,del diritto internazionale.

Iraq,Siria,Libia,tre Paesi chiave per l’economia e la sicurezza dell’Europa,e in particolare per la nostra,sono praticamente da considerare “failed states”.

Si tratta di tre paesi con 62 milioni di abitanti,con enormi risorse naturali e umane,con popolazioni giovani,posti all’incrocio tra Asia,Africa e Europa.

Paesi nei quali  guerre settarie  hanno gia’ destabilizzato intere regioni, e coinvolto ormai direttamente i confini dell’Alleanza Atlantica -vedasi la situazione turca- l’Europa e l’America ,con i Jihadisti reclutati in Occidente,la propaganda all’odio,l’immigrazione incontrollata e perfino non documentata dai nostri stessi Governi.

Da questi tre Paesi sono arrivate sulle coste europee   dall’inizio delle “Primavere Arabe”centinaia di migliaia di persone che rischiano moltissimo pur di lasciare l’inferno dal quale provengono.In due di questi paesi – Siria e Iraq –  l’islamismo piu’radicale ha trasformato la Jihad da messianica rivincita contro un  Occidente di Crociati, a realta’militare,politica ed economica radicata territorialmente.

Il Daesh non prospera perche’  protetto da un Governo,come al Qaeda dai Talebani in Afghanistan o Tehrik-i-Taliban da settori dell’establishment Pakistano .Il Daesh e’ lo Stato stesso,si afferma militarmente persino sotto i massicci bombardamenti americani e degli alleati occidentali e arabi,esercita una forza di attrazione assolutamente inedita,governando per ora la diffusione del suo messaggio sul web,e preparandosi probabilmente ad attacchi “cyber” e non convenzionali anche contro l’Occidente.

Lo Stato Islamico costituisce una minaccia rivolta all’intero Medio Oriente ed a noi.

Non dimentichiamo tuttavia come questa minaccia sia stata incoraggiata,sostenuta,rafforzata,oltre che direttamente da Damasco e da Teheran,  dal conflitto tra Sunniti e Sciti,indipendentemente,e ancor ben prima del delinearsi di una minaccia dello Stato Islamico contro l’Occidente:

 

-vero che all’interno del mondo sunnita si continuano a manifestare fratture profonde,che la conflittualita’nell’Islam  traduce in persecuzioni di Cristiani,Yazidi,Curdi,e che in conseguenza di cio’ nel giro di qualche decennio la presenza cristiana in Medio Oriente e’crollata dal 20%al 5%.

 

-vero che Gaza si e'”infiammata”per ben tre volte negli ultimi sei anni,e che la soluzione dei “Due Stati”,Israeliano e Palestinese,e’ prigioniera di un completo stallo negoziale,nonostante la maggioranza del pubblico israeliano e palestinese ritenga che lo status quo non sia piu’ praticabile.

 

Ma e’su questo sfondo che,a mio parere, lo storico conflitto  tra Sunniti e Sciti,in Siria,Iraq,Libano,nel Golfo, si pone come assolutamente centrale.Esso interagisce con altri elementi ad alta criticita’:

 

-gli accordi sulla ripartizione di poteri in Libano,in Iraq,in Yemen;

 

-il ruolo regionale dell’Iran e il suo programma nucleare;

 

-il problematico rapporto tra Riyad e Teheran,tra Ankara e Damasco;

 

-le relazioni tra i sei Paesi membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo;

 

-gli obiettivi non coincidenti,anzi spesso concorrenziali,dei paesi a Governo prevalentemente sunnita o scita sulle questioni siriana,irachena,libica e piu’in generale sul contrasto al fondamentalismo.

 

Le “onde lunghe”del confronto sunnita scita raggiungono Egitto,Algeria,Somalia,Kenya,Nigeria,Mali e qualsiasi altro luogo dove i contrapposti fondamentalismi riescano a utilizzare a proprio vantaggio successi o insuccessi dell’avversario in altre parti del mondo.L’uccisione di Herve’Gourdel in Algeria,la minaccia del gruppo Abu Sayyaf nelle Filippine di decapitare due ostaggi tedeschi,il sostegno allo Stato Islamico dichiarato da elementi afghani dei Talebani ,nigeriani di Boko Haram,somali degli Shebab,appartengono tutti a tale logica.

Non si puo’interpretare quanto sta avvenendo oggi senza collegare l’analisi alla caduta di Saddam Hussein e al  rovesciamento della struttura istituzionale e politica irachena.

Nel 2006,quando il Presidente Bush stava valutando l’opportunita’ del “surge”anti-Qaedista nelle Provincie irachene di Anbar e Nineveh,Vali Nasr inseriva nel suo importante saggio sul “Risveglio Scita”queste osservazioni:

“In Iraq, l’obiettivo primario dell’Iran e’ di assicurare che il Baathismo e il nazionalismo arabo -cioè il potere Sunnita sotto mentite spoglie -non torni mai al controllo del Paese. Piu’ l’insorgenza sunnita e’ violenta, più sciti vengono uccisi,piu’determinato diventa l’Iran…Da Teheran si vede la pacificazione dell’Iraq sotto la leadership Scita come un fondamentale obiettivo strategico. Cio’ che non sono stati capaci di vincere con la guerra contro l’Iraq,lo stanno ora ottenendo grazie alle Forze della Coalizione e al Governo controllato dagli Sciti a Baghdad…E questo in un tempo chevede l’estremismo Sunnita in crescita nel mondo Musulmano,con influenza Wahabita e Salafita”.

 

Da questa analisi di otto anni fa sull’Iraq credo non meriti di  essere cambiata neppure una virgola per spiegare la strategia Iraniana e Scita in Siria e in Iraq,oggi.

Si puo’solo aggiungere quanto scrive Henry Kissinger nel suo ultimo lavoro, “World Order”:

“Il conflitto che si sta sviluppando e’ allo stesso tempo religioso e geopolitico.C’e’ un blocco guidato dall’Iran Scita che sostiene Assad in Siria e als Maliki in Iraq,le milizie Hezbollah in Libano e Hamas a Gaza,e c’e’ un blocco Sunnita,che consiste dell’Arabia Saudita,dei Paesi del Golfo,e in certa misura dell’Egitto e della Turchia.L’Iran mira al dominio regionale utilizzando attori non statuali legati ideologicamente a Teheran”.

Tra l’altro,l’Iran aveva percepito immediatamente il rischio mortale che le “Primavere Arabe”ponevano al regime teocratico.Migliaia di prigionieri politici subiscono violenze indicibili ad Evin e in altre prigioni ad alta sicurezza;moltissimi sono stati torturati,impiccati,e arrestati in reazione alle dimostrazioni del 2009 contro la rielezione,rubata secondo molti,di Amadinejhad.

Nella primavera dello scorso anno l’Ayatollah Khamenei ha pronuciato un discorso alla Conferenza delle autorita’religiose Musulmane.

Due punti da lui sottolineati mi sembrano di particolare rilievo:

 

-1.le “Primavere Arabe”vengono completamente reinterpretate dall’Ayatollah Khamenei,negando la loro natura di rivolta popolare contro Leaders corrotti e repressivi,dando invece il senso di rivoluzione religiosa unitaria al”Risveglio Arabo”.

 

-2. “Il mondo dell’Islam-ha detto Khamenei- emerge ora dai margini dell’equazione sociale e politica e apre la porta a una rivoluzione religiosa globale.Tutte le componenti dell’Ummah Islamica devono conseguire l’obiettivo specificato nel Sacro Corano”.Forzando artificialmente il fondamentale principio dell’unita’dei Musulmani per applicarlo alle Primavere Arabe,la Guida Suprema non ha fatto altro che valorizzare politicamente il richiamo fatto dalla Costituzione iraniana al Corano:”La Vostra Comunita’ e’ un’unica Comunita’ e io sono il Vostro Signore”.Prima di Khamenei,lo stesso Ayatollah Khomeini era stato gia’estremamente chiaro sulla questione dell’unita’ dei Credenti,ovviamente dei credenti che appartengono alla “Casa dell’Islam”,e non di quanti,fuori dall’Islam,appartengono alla “Casa della Guerra”.

 

Quando,a inizio anni ’90, Samuel Huntington scriveva “The clash of Civilizations”il pensiero prevalente era che le fratture culturali,religiose,etniche fra “The West and the Rest”,tra Cristiani e Musulmani,tra Buddisti e Comunisti,fossero fratture assai piu’profonde e insanabili di quanto fossero quelle all’interno del mondo musulmano;assai piu profonde di quelle tra Sunniti e Sciti,tra  le forze secolari e quelle religiose dell’Islam politico.

Benche’al Queda e la pletora di formazioni Jihadiste non abbiano mai smesso di minacciare il mondo Islamico e le nostre societa’,molti temono che un preoccupante,millenario “scontro di civilta’” tra Sunniti e Sciti si riapra proprio all’interno dell’Islam. Le “guerre civili islamiche”,che molti secoli prima delle Crociate insanguinarono l’era dei Quattro Califfi, che produssero l’eccidio di Karbala,l’uccisione di Husayn ibn Ali,risuonano ancora negli incitamenti dei Mullah e degli Imam,e tengono vive e attuali divisioni settarie coltivate per piu’di un millennio.”Tantum potuit religio suadere malorum”,scriveva Lucrezio nel primo secolo A.C.

Cosa c’entra tutto questo con le crisi in atto nel Grande Mediterraneo? Si tratta di aspetti essenziali alla comprensione del conflitto interno all’Islam e delle sue metamorfosi.L’unita’ dell’Islam invocata dalla Guida Suprema -che ,ricordiamolo,si e’in passato impegnata nel dialogare con i sunniti- non puo’infatti che attuarsi nell’ambito della fede Scita,del suo impianto dogmatico,nella convinzione che il Mahdi tornera’dall’Occulto per assumere tutti i poteri e “riempire il mondo di Giustizia e Bellezza”.

L’Iran rappresenta la sintesi di “legacies” complesse,guidate da vestigia di una cultura ultramillenaria,estremamente ricca e diversificata,e da un intero secolo di drammatici rivolgimenti,in una rivalita’permanente tra anima persiana e senso di appartenenza alle idealita’della teocrazia religiosa. Ancor prima di sentirsi un Paese -e’stato detto  -l’Iran di oggi sente soprattutto di “essere una causa rivoluzionaria”: e come tale sembra spesso ragionare e agire sulla scena internazionale.

La “causa”piu’fortemente sentita dal regime teocratico e’ quella della preminenza Scita nel mondo islamico,attraverso una rapida espansione regionale delle forze statuali e soprattutto di quelle non statuali,alimentate e controllate da Teheran, che al “Risveglio scita”si collegano.

Le Primavere Arabe,prima, e l’inattesa affermazione da un anno a questa parte del Jihadismo sunnita alle proprie frontiere potevano ben  indurre Teheran a ripensamenti,moderando  le sue aspirazioni  di influenza e controllo regionale.

Ma non sembra proprio esser stato cosi.

Il Segretario del Consiglio Nazionale Supremo iraniano ,Ali Shamkhani,ha visitato due settimane fa  Damasco per ridefinire le linee dell’azione congiunta con Assad,dopo la decisione Occidentale e Araba di bombardare l’Isis.

 

Il  rapporto su questa missione e’trapelato nei giorni scorsi.Esso  sottolinea che:

-Assad deve essere mantenuto al potere a tutti i costi;

-l’asse Iraq,Siria,Libano e Yemen e’cruciale per l’Iran;

-e’ necessario preservare questa fascia di Paesi a controllo  scita perche’essa assicura il “contenimento” dei Paesi sunniti,i particolare Arabia Saudita e Giordania,ed esercita una pressione su Paesi come l’Egitto.

-Con Assad gli inviati iraniani avrebbero “discusso in dettaglio” come sfruttare i raids aerei della Coalizione a vantaggio del regime di Damasco ,in modo da evitare che essi rafforzino invece-come vorrebbe la Coalizione- l’Esercito Libero Siriano;

-la partecipazione della Turchia alla Coalizione ,il possibile coinvolgimento di forze di terra turche ,l’addestramento di uomini dell’Esercito Siriano Libero,sono tutte prospettive pericolose per l’Iran,che dovra’fare  il possibile per limitare interventi attivi di Ankara.

C’e’veramente da chiedersi se l’avvio,l’8 agosto scorso,delle operazioni aeree contro l’Isis,indipendentemente da un impegnativo chiarimento politico circa il ruolo regionale dell’Iran,circa un profondo e definitivo riequilibrio  del sistema di Governo in Siria,in Iraq e in Yemen,circa i collegamenti dell’Iran con Hezbollah e Hamas,circa una rinuncia verificabile all’arma nucleare,non abbia in realta’ incoraggiato fortemente la dirigenza iraniana a proseguire,e addirittura a consolidare la sua strategia di breve e medio periodo.

Gli iraniani non possono che vedere,anche negli eventi di questi ultimi mesi,uno scenario favorevole al “percorso rivoluzionario”a guida scita.Teheran ritiene che la crescente instabilita’ regionale e il propagarsi del Jihadismo non  possa che compromettere,a termine, la “tenuta” delle monarchie arabe sunnite rivali dell’Iran, come l’Arabia Saudita,nei cui confini vivono tra l’altro importanti minoranze scite.

In senso piu’ ampio,i bombardamenti della Coalizione Occidentale/Araba,decisi -ripeto – senza un retrostante solido accordo politico con tutti i paesi della regione- pongono Tehran in una “win win situation”per ragioni ulteriori,rispetto a quelle della affermazione dell’Iran nel “conflitto”tra Snniti e Sciti,interno all’Islam.

Senza nulla concedere ai Paesi della Coalizione anti Isis che stanno cercando di eliminare quello che anche per la teocrazia iraniana costituisce un rischio mortale,Teheran ha ulteriormente indurito la sua linea sul negoziato nucleare, sulla nomina dei ministri dell’Interno e della Difesa nel nuovo Governo a Baghdad,sull’appoggio militare che il corpo di spedizione Hezbollah e Pasdaran sta dando ad Assad per annientare ,prima ancora dell’Isis,le formazioni tuttora esistenti dell’Opposizione siriana che operano,ad esempio ad Aleppo.

Non c’e’mai stato il benche’minimo segnale da parte iraniana di una pragmatica evoluzione:ne’ sul sostegno incondizionato fornito al regime siriano;ne’di condivisione con i Paesi occidentali dei drammatici errori e delle gravissime responsabilita del governo a guida scita di al Maliki.Un Primo ministro che negli ultimi sei anni ha sistematicamente escluso dal potere,contrariamente allo spirito della costituzione irachena,ha vessato e fatto massacrare dalle forze di sicurezza e dalle milizie da lui controllate  le tribu’sunnite.

Il discorso del Presidente Rouhani al Palazzo di Vetro,lo scorso settembre,ha confermato la misura in cui l’Iran si senta sempre piu’ parte di un “fronte revisionista”nei rapporti con l'”ordine Westphaliano” al quale l’Occidente continuerebbe a tenere.Senza trascurare l’accusa rivolta da Rouhani ai Paesi occidentali di aver essi stessi “creato l’Isis”.Una caduta di stile simile a quella di quanti affermavano,nel 2001, che l’attacco alle Torri Gemelle era stato orchestrato dalla solita lobby giudaico massonica.

Da un anno a questa parte,a cominciare dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del Settembre 2013 e dalla telefonata tra i Presidenti Obama e Rouhani,Washington si e’ molto ingegnata nel trovare un modo accettabile per fare uscire Teheran dall’isolamento,e per trasformare in senso costruttivo e non antagonisco la sua influenza regionale.In tale direzione,almeno sino allo scorso Agosto, l’Amministrazione Obama e’ stata sostenuta da un’opinione pubblica nettamente contraria a operazioni militari all’estero.

Ma da Agosto le orribili immagini delle decapitazioni di due americani,James Foley e Steven Sotloff hanno profondamente influito sul pubblico americano.Qualcuno ha scritto che Washington si e’trasformata:da capitale di una superpotenza riluttante, a “cheerleader”per un rinnovato impegno militare americano in un conflitto potenzialmente “intrattabile”in Iraq e in Siria.In Settembre Pew Research segnalava che i due terzi degli americani erano favore di operazioni aeree contro l’Isis,che erano aumentati del 14% quanti ritenevano che gli Usa dovessero fare di piu’ nell’impegno all’estero, e che erano diminuiti circa della stessa percentuale coloro che giudicavano si dovesse fare di meno.Solo un anno fa il Congresso si era mostrato gelido sull’ipotesi di sanzionare con attacchi aerei il superamento da parte di Assad delle “linee rosse” tracciate da   Obama per le armi chimiche.Ora ha praticamente dato luce verde ai bombardamenti e al sostegno alle forze dell'”opposizione siriana moderata”.

Rimane tuttavia irrisolta la fondamentale questione della strategia complessiva che gli Stati Uniti,e l’Europa,intendono seguire nei confronti dell’Iran,e soprattutto del suo ruolo in Siria,Iraq,Libano,Yemen.

Quanto e’ realmente mutato il sistema di Governo in Iran con l’elezione di Rouhani?Basta l'”interim agreement”sul nucleare a certificare un cambiamento di rotta? O dovrebbe Washington essere piu’sensibile alla richiesta israeliana di rifocalizzare alcune priorita’,nel rapporto co l’Iran?E soprattutto,le “prove di dialogo” con l’Iran stanno avendo effetti apprezzabili per una soluzione politica della questione di fondo che ha fatto esplodere la rivolta i Siria e in Iraq e l’implosione di questi due Paesi? La vera questione essendo la partecipazione effettiva,riconosciuta,garantita e democratica delle componenti sunnite e curde al sistema di Governo in Siria e in Iraq,unitamente al rispetto e alla tutela di tutte le  minoranze,etniche,religiose e politiche.

L’impressione della perdurante assenza di una convincente strategia e’rafforzata dalla ormai palese evidenza di un dibattito che da almeno due anni rimane irrisolto all’interno della stessa Amministrazione Obama.

Basta scorrere le memorie di Hillary Clinton,Robert Gates,e ora di Leon Panetta per constatare come tre importanti protagonisti dell’Amministrazione Obama avessero sostenuto vigorosamente,ancora nell’autunno 2012,la necessita’ di aiutare concretamente la Syrian National Coalition,per chiudere le porte ai Jihadisti di al Nousra e dell’Isis.E ancora a fine febbraio 2013 ospitavamo a Roma su sollecitazione americana il “core group”di undici paesi amici della Coalizione Nazionale Siriana,per concordare le modalita’del nostro sostegno.Ma anche dopo quell’incontro,conclusosi in modo nettamente positivo,a Washington si continuo’a prendere tempo,raffreddando le disponibilita’espresse dai quattro maggiori paesi europei,dalla Turchia,dalla Giordania,dall’Egitto e dai Paesi del Golfo.

La decisione presa lo scorso agosto dai Ministri esteri Ue di autorizzare l’invio di armi al Governo Regionale del Kurdistan e’importante perche’innova alla prassi Ue sino a quel momento contraria a iniziative di questo tipo senza una Risoluzione del Consiglio di Sicurezza.Ma non per questo essa  corrisponde a quella visione strategica che Stati Uniti,Ue e Paesi Arabi devono urgentemente maturare  per l’intera regione ,cosi’come non sembra corrispondervi l’altra,pure importante decisione presa al Vertice Nato di Cardiff per una “coalition of the willing”contro lo Stato Islamico.

L’obiettivo di ridimensionare l’Isis,per quindi distruggerlo militarmente,finanziariamente,ideologicamente,con una Coalizione legittimata dalla partecipazione attiva di Paesi Musulmani,nell’intento di ridare credibilita’agli Usa e all’Europa nella gestione delle crisi mediorientali appare ancora sfocato per questi motivi:

 

-anzitutto permane l’equivoco di un’alleanza di fatto con Damasco e Teheran,dando al mondo sunnita la sensazione-stigmatizzata dal gen.Petraeus-che l’aviazione americana operi in Siria e in Iraq come “braccio operativo delle milizie scite”;

 

-in secondo luogo,e’ tutt’altro che chiaro come la campagna anti Isis potra’concludersi con l'”empowerment” di componenti della societa’ irachena e siriana ,in parcicolare curdi e sunniti,la cui esclusione ha costituito il principale fattore di destabilizzazione;

 

-infine,l’opinione pubblica di molti Paesi  arabi continua a non capire perche’le poche forze moderate che ancora ad Aleppo combattono sia l’Isis che Assad non vengano  in alcun modo appoggiate dalla Coalizione guidata dagli Usa;ne’il perche’si ostacolino le richieste turche per la creazione di una “no fly zone”in Siria o di una zona cuscinetto che limiti lo spazio d’azione oltre che dell’Isis,anche delle forze di Assad.

 

Una credibile strategia occidentale dovrebbe in particolare:

 

-ridimensionare in Iraq il peso della componente scita,decentralizzando la struttura di governo,ripartendo diversamente risorse di bilancio,assicurando sussidi e assistenza alle Provincie a maggioranza sunnita e curda,attualmente molto penalizzate;

 

-l’apparato di sicurezza deve essere completamente riformato,includendo ai diversi livelli tutte le tre principali componenti dl Paese,insieme alle altre minoranze,e non solo quella scita;

 

-lo stesso dicasi per il rapporto tra Baghdad ed Erbil,con l’attuazione finalmente dell’art.140 della Costituzione,laddove esso prevede l’effettuazione del censimento e di un referendum  nelle zone contestate,in vista del riconoscimento di un’autonomia accresciuta,sia per i Curdi che per la regioni a maggioranza sunnita;

 

-infine,una strategia occidentale credibile non puo’che condizionare l’aiuto militare a Baghdad a un “decoupling”dell’Iraq dall’asse con Bashir Assad.La catastrofe siriana e’ stata in gran parte eterodiretta,da Teheran e da Baghdad che ha assicurato il costante passaggio delle forniture militari dei reparti iraniani verso la Siria.Le milizie scite in Iraq sono state parte diretta del reclutamento e delle operazioni in Siria.

 

La strategia occidentale non deve quindi guardare nella sola direzione dello Stato Islamico,per quanto immediata e grave sia la minaccia che esso rappresenta.Sconfitto l’Isis,potremmo trovarci di fronte a un quadro altrettanto pericoloso e instabile.

In conclusione ,le crisi che stiamo vivendo in questo 2014 sembrano rispondere a dinamiche distinte,nella loro caratterizzazione regionale e geopolitica. Tuttavia,vi sono aspetti che  saldano,nell’intero arco di instabilita’ che descrivevo all’inizio,tra Grande Mediterraneo ed Europa, gli impulsi revisionisti dell’ordine e del diritto internazionale.

Un primo aspetto verte sull’impiego della forza al difuori delle decisioni del Consiglio di Sicurezza ,o della esplicita e legittima richiesta di uno Stato. Non essendo certo legittima  la richiesta da parte di Assad all’Iran di un intervento militare finalizzato all’effettuazione di stragi e geocidi,con la motivazione dell’antiterrorismo.

Il secondo aspetto riguarda le “limitazione” e i condizionamenti imposti alla validita’universale dei Diritti umani.Un tema che merita una riflessione molto ampia e approfondita,ma che si pone sempre piu’ come aspetto cruciale tra forze che di definiscono revisioniste e societa’ che intendono invece progredire ulteriormente,costruendo sui risultati sinora raggiunti in questo settore,architrave essenziale della pace e della sicurezza internazionale.

 

©2020 Giulio Terzi

Log in with your credentials

pergot your details?