Per affrontare le minacce dell’Iran, occhio al viaggio di Pompeo in Albania

Per affrontare le minacce dell’Iran, occhio al viaggio di Pompeo in Albania

Il ruolo dell’opposizione iraniana del People’s Mojahedin Organization of Iran attende di essere riconosciuto dall’Europa come decisivo per il crollo del regime al potere a Teheran. Il popolo iraniano chiede a stragrande maggioranza il cambiamento

articolo pubblicato su Lindro.it del 27 maggio 2022

La scorsa settimana ha visto due viaggi che mostrano approcci contrastanti per affrontare le sfide poste dal regime iraniano. L’11 maggioEnrique Mora, vicesegretario generale del Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE), si è recato a Teheran per incontrare funzionari iraniani. Il 16 maggio, il 70° Segretario di Stato americano Mike Pompeo si è recato ad Ashraf 3, in Albania, sede di circa 3.000 membri della principale opposizione iraniana, People’s Mojahedin Organization of Iran (PMOI/MEK), l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iranianodove ha incontrato la signora Maryam Rajavi, il Presidente eletto del Consiglio nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI).
Il viaggio del funzionario dell’UE è parte della stessa politica fallita, mentre il viaggio di Pompeo in Albania è un nuovo approccio con una possibilità di successo più realistica.

Non si può negare che il regime iraniano rappresenti una seria minaccia per l’Europa. Teheran tiene in ostaggio i nostri cittadini e li usa come merce di scambio nei negoziati. I suoi diplomatici spiano i nostri cittadini e complottano per far esplodere bombe nelle nostre città. Teheran si sta precipitando verso l’ottenimento di armi nucleari. Sta cercando di sconvolgere i mercati energetici organizzando attacchi di missili e droni contro impianti di petrolio e gas vitali nei Paesi vicini.
Tuttavia, mentre la minaccia globale del regime iraniano si è evoluta nel corso degli annila nostra politica noLa politica generale dell’Europa nei confronti di Teheran è rimasta quella di chiudere un occhio sulla belligeranza del regime e ricoprirlo di concessionisperando che moderi i suoi comportamenti e diventi un attore responsabile sulla scena internazionale.
I fatti dimostrano che questo approccio non funziona.

Mentre i leader europei hanno blandito i governanti dell’Iranil regime ha risposto con un comportamento sempre più provocatorio.
L’11 maggio le autorità iraniane hanno arrestato due turisti francesi a Teheran. La settimana precedente, la magistratura iraniana ha confermato la condanna a morte di Ahmadreza Djalali, un professore svedese in carcere dal 2018. Entrambi i casi sono altamente politici e fanno parte dell’uso da parte del regime della presa di ostaggi come strumento di politica estera.
Allo stesso tempo, Teheran si sta avvicinando all’ottenimento di materiale fissile sufficiente per una bomba atomica, dopo aver bloccato i colloqui sul nucleare a Vienna con richieste massimaliste. Come parte di un potenziale accordo nucleare, il regime chiede la rimozione delle sue famigerate Guardie Rivoluzionarie (IRGC) dall’elenco statunitense delle organizzazioni terroristiche straniere (FTO).

Questa è la stessa organizzazione che sta diffondendo il terrorismo in tutto il mondo, anche in Europa. Un caso degno di nota è quello di Assadollah Assadi, un agente dell’IRGC e diplomatico iraniano in carriera che è stato colto in flagrante mentre stava conducendo un importante complotto per un attentato in Francia, nel 2018.

Nelle loro manifestazioni, la gente chiarisce che non sostiene la posizione minacciosa dei mullah nei confronti del mondo. Il popolo iraniano vuole alloggisicurezza alimentaresicurezza del lavorosalari pagati in tempoistruzione per i propri figli e, soprattuttovuole la libertà. Non vogliono sperperare la ricchezza del loro Paese costruendo armi nucleari, finanziando il terrorismo e creando missili balistici.
Il popolo iranianoche chiede a stragrande maggioranza il cambiamento nel proprio Paese,è il più grande alleato dell’Europa nell’affrontare le minacce provenienti da TeheranEppure, i nostri politici insistono per incontrare e trattare con le persone il cui governo e potere dipendono dal mantenimento di tali minacce.
Come ha affermato Pompeo nel suo discorso ad Ashraf 3, «Un grave fattore mancante nella politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran è stata la mancanza di sostegno politico all’opposizione organizzata. Il regime di Teheran è andato all’estremo per massacrare 30.000 prigionieri politici, i cui obiettivi principali e la maggior parte delle vittime erano il MEK. Ora, per correggere la politica iraniana, –e non importa chi sia alla Casa Bianca– è una necessità che l’amministrazione statunitense si metta in contatto con la Resistenza iraniana e tragga vantaggio dalle sue straordinarie capacità. Ashraf 3 è uno di questi posti su cui concentrarsi».
I leader europei dovrebbero ascoltare le parole di Pompeo. Lo stato esplosivo della società iraniana suggerisce che questo regime sta vivendo un tempo preso in prestitoPrima o poisarà rovesciato dal popolo iraniano e dal suo movimento di resistenza. Spetta ai leader europei decidere da che parte stare.

©2022 Giulio Terzi

Log in with your credentials

pergot your details?